Per il tuo 5x1000... IL NOSTRO CODICE FISCALE: 93051410756

Il riciclo entra in classe: Comune di Lecce e JGI Italia per l’ambiente

Il riciclo entra in classe: Comune di Lecce e JGI Italia per l’ambiente
18 Febbraio 2020 Redazione

Raccolta per il riciclo dei cellulari con gli studenti di Lecce

Jane Goodall Institute Italia e Comune di Lecce sono insieme impegnati a promuovere nelle scuole leccesi la raccolta per il riciclo di cellulari esausti.

Promosso dall’Assessorato alla Cultura e dalla Pubblica Istruzione, guidato dall’Assessore architetto Fabiana Cicirillo, e dall’Assessorato all’Ambiente guidato dall’Assessore Dott.ssa Angela Valli, il progetto del JGI Italia per la conoscenza delle tematiche ambientali e sociali associate alla produzione dei cellulari entra nelle scuole leccesi coinvolgendo centinaia di ragazzi.

La Campagna, coordinata a Lecce dalla dottoressa Caterina Rossi, volontaria del JGI Italia, ha già coinvolto otto scuole. La presidente Daniela De Donno e Caterina Rossi hanno iniziato a consegnare i contenitori per la raccolta e il materiale di approfondimento sul programma internazionale del JGI per l’educazione alla sostenibilità Roots & Shoots, incluso il libretto “Caccia al Tesoro nei Cellulari. Straordinario viaggio nelle materie prime”.

Hanno aderito al progetto le scuole secondarie di primo grado Ascanio Grandi coordinata dalla professoressa Anna Paola Elia, Quinto Ennio, coordinata dalla professoressa Sabrina Grazioli, l’istituto comprensivo Ammirato Falcone, coordinato dal professor Armando Rismondo, le primarie Livio Tempesta, con il coordinamento della insegnante Anna Maria Micali, Cesare Battisti, coordinata dall’insegnante Rosalba Evangelista, San Domenico Savio, coordinata dall’insegnante Luciana Resci, Edmondo De Amicis, con il coordinamento dell’insegnante Enrichetta Berardelli, Gesù Eucaristico, coordinata dall’insegnante Lidia della Ducata.

Ogni classe realizzerà il proprio contenitore personalizzato ed approfondirà il tema con proiezioni e iniziative autonome o supportate dagli esperti del Jane Goodall Italia.

Buon lavoro, ragazzi!