All4Climate - Italy 2021: MOYAI, the mooring rope connecting people and nature through Minamata

All4Climate – Italy 2021: MOYAI, the mooring rope connecting people and nature through Minamata
27 Settembre 2021 Redazione

MOYAI, la cima d’ormeggio che connette persone e natura attraverso Minamata

Japanese School of Milan
30 settembre 2021
Ore 9.30 -12.20

 All4Climate – Italy 2021, il grande evento organizzato dal Ministero per la Transizione ecologica per sollecitare il dialogo costruttivo sulle sfide climatiche in occasione di Pre-COP26, ospita l’evento del Jane Goodall Italia che si terrà in collaborazione con la Japanese School of Milan.

Agire ora, anche nel quotidiano con le nostre azioni e con le nostre scelte, per contrastare il riscaldamento globale.

I giovani della Japanese School of Milan esaminano il disastro ambientale di Minamata e l’effetto di una risposta tardiva, che ha mutato il destino di intere comunità.

Imparare dalla storia per prevenire, riconoscere, intervenire tempestivamente.

Le province di Vicenza, Padova, Verona e la Baia di Minamata, in Giappone, zone lontane tra loro ma accumunate da un grave problema: l’inquinamento delle acque.
Nel Veneto – è storia di questi ultimi anni – acque contaminate da Pfas, acidi usati nei processi industriali e sversati per decenni nel suolo e nelle falde acquifere. Nella Baia di Minamata – è uno scandalo che risale agli anni ’50 – acque contaminate da mercurio, sversato in mare per decenni, a partire dagli anni ’30, da una multinazionale chimica. E, dunque, la malattia di Minamata, che a partire dagli anni ’50 ha colpito indiscriminatamente tutti, animali e uomini, che da quell’acqua traevano la loro vita.

Ecco il tema scelto dagli studenti della Japanese School di Milano che partecipano al  Programma Roots&Shoots del Jane Goodall Institute per approfondire il legame tra uomo e natura, inquinamento e salute umana, doveri e soluzioni, priorità e solerzia.

Minamata: l’importanza di dire “no” al concetto della produzione a tutti i costi, ignorando gli effetti nocivi degli scarti. E l’importanza di agire subito, senza perdere tempo, per contenere un possibile danno.

I ragazzi dell’istituto analizzano anche l’importanza di alzare la voce nei momenti di difficoltà, come insegnato loro da un attivista locale di Minamata, dicendo: “Anche se ti senti impotente, le persone troveranno sicuramente la tua voce a poco a poco e ti sosterranno, e la voce diventerà più grande.” O come Johnny Depp, attore che ha recitato nel film “MINAMATA”, che ha anche sottolineato (al festival del cinema nel 2020) come il potere del piccolo che sembra polvere, ma che un giorno può rovesciare il problema, se seguito e condiviso apertamente da tante persone.

“Noi umani a volte possiamo essere annegati da ondate di materialismo o dalla paura di essere vittime di bullismo e isolati. Pertanto, vi diciamo una parola giapponese, “moyai“, la cima usata dai pescatori per collegare le navi. Ciò che ha riportato in vita la comunità e l’oceano di Minamata è stato questo spirito di “moyai”. Ognuno di noi ha “moyai” nel cuore e, anche se invisibile, può connetterci in tutto il mondo. Siamo tutti collegati. Gli esseri umani e la natura sono collegati, comprese le aziende e i governi. Speriamo di connettere i “moyai” dei nostri cuori per rendere il mondo un posto migliore insieme.”

Intervengono all’incontro:

  • Chiaki Nagano, Roots and Shoots programme Coordinator – Japanese School of Milan
  • Daniela De Donno, Presidente The Jane Goodall Institute Italia
  • Nicolò Filippi, University Ca’ Foscari Venezia – Department of Humanities
  • Nichika Asao, student Japanese School of Milan
  • Yugo Kitabayashi, student Japanese School of Milan
  • Ayaoki Kitte, student Japanese School of Milan
  • Toranosuke Fujita, student Japanese School of Milan
  • Ayame Furukawa, student Japanese School of Milan
  • Hinata Miyazaki, student Japanese School of Milan
  • Clément Herbin, student Lycée Stendhal de Milan