Per il tuo 5x1000... IL NOSTRO CODICE FISCALE: 93051410756

Contro la libertà degli scimpanzè: i numeri da non dimenticare

Quando Jane Goodall ha iniziato la sua ricerca, da 1 a 2 milioni di scimpanzé vivevano allo stato brado. Ora si stima che ce ne siano circa 340.000 sparsi in 21 nazioni africane.

Oltre 3.000 grandi scimmie, tra cui gli scimpanzé, vengono uccise o catturate illegalmente ogni anno per finanziare il traffico illegale, incluso il terrorismo internazionale.

Ogni anno, i bracconieri uccidono migliaia di scimpanzé come parte del commercio illegale di carne di animali selvatici. In genere, i cacciatori vendono a pezzi gli adulti come carne e risparmiano le vite degli scimpanzé più giovani per venderli come animali domestici, nonostante le leggi internazionali ne vietino il commercio.

L’agricoltura, il disboscamento e l’attività estrattiva delle miniere distruggono vaste porzioni di habitat naturali delle scimmie antropomorfe. Anche la caccia di animali selvatici per la loro carne e il traffico illegale di animali vivi hanno causato forti cali nelle popolazioni di primati. I bonobo, ad esempio, conosciuti anche come scimpanzé pigmei, hanno perso il 29% del loro habitat,gli scimpanzé dell’Africa centrale hanno perso il 17% e quelli nell’Africa occidentale l’11% del loro ambiente naturale.