Per il tuo 5x1000... IL NOSTRO CODICE FISCALE: 93051410756

Jane Goodall sull’uso delle scimmie nella ricerca: bloccati i test sulle scimmie scoiattolo

Jane Goodall sull’uso delle scimmie nella ricerca: bloccati i test sulle scimmie scoiattolo
13 febbraio 2018 Redazione

“Il minimo che io possa fare è dare voce alle centinaia di scimpanzé e scimmie che, proprio ora, stanno sedute curve, infelici e senza speranza, guardando fuori dalle loro prigioni di metallo con gli occhi spenti. Esse non riescono a far udire la loro voce” ha dichiarato Jane Goodall in occasione di uno studio sugli effetti della nicotina condotto sulle scimmie scoiattolo nei laboratori della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

Le scimmie scoiattolo usate in questi test sono state trasferite a lungo termine in un parco protetto dopo che funzionari governativi sono giunti alla conclusione che l’esperimento, sfociato in quattro morti, non rispondeva agli standard dell’Agenzia relativi al benessere degli animali e l’ha chiuso. Venerdì la FDA ha detto che le venti scimmie coinvolte nello studio, più sei che non lo erano, saranno trasferite in un parco protetto.

Lo scorso settembre, dopo che Jane Goodall in una lettera indirizzata al Commissario Scott Gottlieb ha definito la ricercacrudele e non necessaria” nonché “vergognosa“, i funzionari hanno sospeso lo studio controverso con le scimmie scoiattolo. Un gruppo di veterinari ed altri esperti della FDA hanno visitato il Centro Nazionale per la Ricerca Tossicologica dell’Agenzia, nel quale era in corso lo studio, per controllare il benessere degli animali ed esaminare i documenti relativi all’esperimento. I funzionari hanno trovato carenza di una supervisione adeguata e “ripetute” mancanze nella cura degli animali. Lo studio, che ha avuto inizio nel 2014, si occupava di misurare come dosi diverse di nicotina influissero sulla tossicodipendenza, in particolare negli adolescenti. Le scimmie scoiattolo adolescenti e adulte erano state addestrate a premere una leva che dava loro infusioni di nicotina. Una volta che gli animali avevano acquisito la tossicodipendenza, gli scienziati potevano vedere come reagivano alla diminuzione dei livelli di nicotina.

La FDA si occupa ora di accelerare l’adozione di vari strumenti di modeling e tecnologici per ridurre il bisogno di fare test sugli animali. Ma alcuni esperimenti richiedono ancora la ricerca con primati, compresi quelli che coinvolgono lo sviluppo dei vaccini per l’infanzia.