Ricordiamolo: MAI gli scimpanzé come animali da compagnia

Ricordiamolo: MAI gli scimpanzé come animali da compagnia
18 Marzo 2021 Redazione

RICORDIAMOLO, PER CHI ANCORA NON LO AVESSE CHIARO

GLI SCIMPANZE’ NON sono animali da compagnia!

È in questi giorni virale un video in cui si vede uno scimpanzé tenuto in casa, trattato come fosse un bambino. Questo genere di video CREANO FALSA INFORMAZIONE, sono un danno per la tutela degli scimpanzé. NON DIFFONDETE QUESTI VIDEO.

Si tratta di immagini che alimentano nelle persone l’erronea speranza di poter avere in casa uno scimpanzé da trattare come un bambino e al contempo incoraggiano bracconaggio e traffico illegale, una delle principali cause alla sopravvivenza in natura di questi splendidi animali. Avere uno scimpanzé in casa o in simile contesto, trattandolo come una persona è sbagliato. Gli scimpanzé sono “gestibili” da piccoli, poi dovranno essere abbandonati.

Scimpanzé come animali da compagnia: LA REALTÀ

Scimpanzé e cuccioli di scimmie sono irresistibilmente carini, e può sembrare che allevarne uno sia come crescere un bambino. Come i bambini, gli scimpanzé sono affettuosi, bisognosi, e un piacere interagirvi. Ma gli scimpanzé crescono in fretta, e la loro intelligenza unica rende difficile mantenerli stimolati e soddisfatti in un ambiente umano. All’età di cinque anni sono più forti della maggior parte degli adulti umani. Diventano distruttivi e risentono della disciplina. Possono, e vogliono, mordere. Proprietari di scimpanzé hanno perso le dita e subito gravi danni facciali.

Morsi di realtà

I piccoli di scimpanzé ricevono normalmente attenzione 24 ore su 24 dalle loro madri. Le madri degli scimpanzé dormono con una mano sul loro piccolo, quindi il contatto è costante. Nessun essere umano può avvicinarsi a questo livello di cura. Ci sono altri problemi: disturbi costanti, un impegnativo programma di alimentazione e il bisogno naturale che gli scimpanzé hanno per la stimolazione mentale. Tenete a mente che i primati in cattività possono vivere 50-60 anni.

I proprietari di scimpanzé spesso non possono viaggiare perché non riescono a trovare custodi adatti per i loro animali domestici. Inoltre, gli scimpanzé sono suscettibili di ribellarsi quando i proprietari tornano a casa tardi dal lavoro o hanno orari irregolari.

Lo spazio è un altro ostacolo. Le case non sono abbastanza grandi per la naturale attività di questi animali.

Mentre ai piccoli di scimpanzé è possibile mettere il panno, una volta raggiunta la pubertà la maggior parte degli scimpanzé resiste a pannolini e vestiti. Inoltre, gli scimpanzé possono fare un pasticcio tale da scoraggiare anche la governante più praticata. Immaginate un bambino che ha la forza di spostare i tavoli, tirare giù le tende e poter raggiungere qualsiasi cosa sia messa fuori portata. È impossibile addestrare gli scimpanzé a comportarsi totalmente come gli umani.

I primati non umani sono utilizzati frequentemente nella ricerca medica perché sono suscettibili a molte delle stesse malattie degli esseri umani come l’herpes, l’epatite virale e il morbillo. Queste malattie possono essere trasferite facilmente da loro a noi e viceversa.

L’aggressività è un aspetto naturale del comportamento degli scimpanzé e non è raro che gli scimpanzé si mordano in natura. Per quanto il proprietario di uno scimpanzé “condizionato” continui ad amare il suo “bambino”, lo scimpanzé sarà troppo pericoloso da tenere come parte della famiglia. Molti proprietari, per ritardare l’inevitabile giorno in cui lo scimpanzé dovrà essere rimosso dalla casa, strapperanno i denti dello scimpanzé, gli metteranno dei collari elettrici – anche rimuovendo i pollici dell’animale con l’idea sbagliata che questo renderà impossibile per lo scimpanzé arrampicarsi sulle tende.

L’ABBANDONO

Arriverà il giorno in cui, nonostante tutti gli sforzi, lo scimpanzé dovrà essere dato via. I proprietari si sentono spesso traditi dagli animali che hanno allevato dedicando loro tanta attenzione. Purtroppo, non possono essere rimandati in Africa. La maggior parte degli zoo non accetta scimpanzé trattati da animali domestici perché gli scimpanzé allevati dall’uomo non conoscono “l’essere scimpanzé” e tendono così a non inserirsi in gruppi stabiliti.

Tragicamente, molti scimpanzé finiscono nei laboratori di ricerca medica. Poiché ai proprietari viene chiesto di non visitare gli scimpanzé – per non disturbarli nella loro “ritrovata felicità” – gli ex proprietari di scimpanzé non si rendono conto delle orribili condizioni alle quali hanno condannato il loro amico.

LEGALITÀ

È illegale possedere uno scimpanzé.

Vuoi crescere uno scimpanzé? RIPENSACI.

Gli scimpanzé devono vivere nel loro habitat naturale, non nelle nostre case.

Come i bambini, i piccoli di scimmia imparano in un contesto sociale, guardando e imitando gli adulti. Gli scimpanzé che crescono separati da un gruppo normale non imparano le sfumature dell’essere uno scimpanzé, e probabilmente si comportano in modo anormale. Come adulti, gli scimpanzé hanno almeno cinque volte la forza degli esseri umani – troppo da gestire per qualsiasi proprietario di animali domestici! Gli zoo di solito rifiutano di accettare animali domestici perché tendono a non inserirsi in gruppi stabiliti. Storicamente, molti scimpanzé sono poi finiti in laboratori di ricerca medica o in uno zoo di infima categoria ove le esigenze psicologiche e fisiche dell’animale non sono rispettate.

Il Jane Goodall Institute Italia con Jane Goodall per introdurre “criteri e requisiti minimi per la gestione in cattività delle Grandi Scimmie Antropomorfe” nel nostro Paese

Scopri di più